Kit 4 filtri

Assortimento completo di filtri aria, abitacolo, olio e carburante per tutte le autovetture e veicoli commerciali. I filtri nei kit sono di qualità originale( ALFA , FIAT , LANCIA , CITROEN , FORD , OPEL , CHEVROLET , RENAULT , VOLKSWAGEN ) o di qualità corrispondente all’ originale ( SOFIMA , FRAM , UFI , TECNOCAR , KNECHT , BOSCH , FIAAM , HOFFER , BLUE PRINT , MANN ).

 

Il filtro aria è nato per proteggere il motore dalla contaminazione diretta degli agenti inquinanti esterni. L’immissione di aria in un motore è compresa tra 200 e 500 m3 di aria all’ora, a seconda della capacità cubica.
L’aria assorbita contiene impurità a livelli variabili a seconda del clima, del rivestimento del manto stradale, del grado di inquinamento atmosferico, ecc. Inoltre un eventuale afflusso di polvere, mescolata all’olio del motore, può diventare una pasta abrasiva, letale per il motore.

Il filtro aria del motore potrebbe essere definito “i polmoni” di un’automobile. È progettato per eliminare la polvere contenuta nell’aria ambiente prelevata dal motore. L’aria viene aspirata dall’atmosfera che contiene sporco abrasivo e particelle fuligginose di scarico. Se non filtrate, queste particelle causeranno una rapida usura sui componenti interni del motore e, alla fine, abbrevieranno notevolmente la durata di vita del motore. Basta una quantità minima di polvere della strada per rovinare un motore. Un filtro aria progettato correttamente non solo contiene la cartuccia di filtrazione ma, grazie al design preciso del suo sistema di ingresso, può anche ridurre il rumore di immissione, che può essere notevole.

Se il filtro aria è sporco, possono succedere tre cose, tutte negative: riduzione della potenza del motore (fondamentale per una performance ottimale del motore è il flusso di aria pulita verso il punto di accensione), riduzione della risposta dell’acceleratore e aumento dell’usura del motore.

Per la sostituzione è importante seguire le raccomandazioni del fabbricante del veicolo, anche se è preferibile  sostituire il filtro aria almeno una volta all’anno, preferibilmente contemporaneamente al filtro dell’olio.

Uno dei prerequisiti essenziali per il funzionamento soddisfacente di un motore a combustione interna è la lubrificazione continua delle parti in movimento del motore con gli oli mantenuti al livello richiesto per evitare qualsiasi usura prematura.

Il filtro olio gioca un ruolo essenziale in questo processo, perché purifica continuamente l’olio, trattenendo le particelle abrasive dovute alla normale usura degli organi, le polveri e i residui di combustione.Questo filtro deve essere in grado di sopportare le sollecitazioni meccaniche e termiche del motore. Deve trattenere l’olio quando il motore è spento e contribuire al raffreddamento dell’olio alla temperatura di funzionamento ottimale.

I filtri olio possono essere di tipo spin-on (avvitato) o a cartuccia, inserita in una scatola. I filtri spin-on vengono sostituiti completamente dopo la loro durata di vita mentre, nell’altra versione, viene sostituita solo la cartuccia nella scatola.

Il filtro olio è un prodotto molto tecnologico e di alta qualità che assicura un’elevata efficacia del funzionamento del veicolo. Di conseguenza, svolge un ruolo essenziale nel mantenere la prestazione del motore e nel prolungarne la durata di vita. Questo è possibile solo sostituendolo ad intervalli regolari, prima che l’accumulo delle particelle trattenute causi una perdita di carico che ne ridurrebbe la prestazione ad un livello in cui il filtro viene by-passato.

Per la sostituzione del filtro olio è importante seguire le raccomandazioni del fabbricante del veicolo; normalmente sostituire il filtro ogni volta che viene cambiato l’olio. Come gia detto, è preferibile la sostituzione del filtro olio almeno una volta all’anno.

I filtri carburante vengono usati su tutti i motori a combustione, diesel o benzina. Sono disponibili con corpi di metallo o plastica conduttiva e possono anche essere dotati di supporti di montaggio.

La benzina e il gasolio sono i carburanti più comuni nei motori a combustione interna. Gli agenti contaminanti (particelle, acqua) arrivano nel carburante in diversi modi:

  • contaminazione durante la produzione, il trasporto, il riempimento, le riparazioni, ecc.,
  • particelle che entrano attraverso il sistema di ventilazione del serbatoio del carburante,
  • contaminazione da parte di sporco o ossidazione nei serbatoi o nei tubi del carburante,
  • acqua di condensa nel serbatoio del carburante, dovuta a cambiamenti di temperatura.

Questi agenti contaminanti possono ostruire gli iniettori di carburante o i carburatori, causando un cattivo funzionamento e il deterioramento del motore. Lo sporco, la ruggine, il calcare e l’acqua sono le maggiori impurità presenti nel carburante.
Queste impurità possono essere dovute a serbatoi di stoccaggio delle stazioni di servizio sporchi e arrugginiti e, con l’invecchiamento del veicolo, alla corrosione dei componenti del sistema di alimentazione del motore. Di conseguenza, possono essere rimossi dal carburante per evitare danni o cattivi funzionamenti ai diversi componenti del sistema. In alcuni impianti, il sistema di filtraggio ha un sensore automatico per il rilevamento dell’acqua. Quando viene raggiunto il livello massimo accettabile di acqua nel filtro, una spia di controllo sul cruscotto inizia a lampeggiare. Per ridurre la possibilità che si formi acqua di condensa nel serbatoio del carburante, si consiglia di riempire al massimo il serbatoio alla fine della giornata o della settimana, riducendo lo spazio d’aria vuoto sopra il carburante. Meno aria nel serbatoio, meno vapore acqueo che può formare condensa.

I filtri abitacolo, rimuovono più del 90% di tutte le particelle di polline e di polvere della strada che entrano nell’abitacolo della vettura senza inibire il flusso di aria fresca. A seconda dell’ambiente, i filtri abitacolo proteggono anche il conducente da odori e vapori spiacevoli.

Chi guida un’automobile è esposto all’inquinamento da due a tre volte di più di un pedone. Infatti, il sistema di ventilazione dell’auto è quasi a contatto diretto con gli scarichi dei veicoli davanti e concentra polvere, polline e fuliggine.
In particolare spesso ciò causa problemi per conducenti/passeggeri affetti da allergie. Inoltre, il filtro abitacolo riduce effettivamente la pellicola di sporco sul parabrezza, migliorando la visione notturna. Di conseguenza, attualmente tutte le maggiori case automobilistiche producono vetture con filtri dell’aria per l’abitacolo.

Per garantire che l’aria all’interno sia sempre pura, il filtro deve essere sostituito regolarmente: quando il fabbricante raccomanda la sostituzione oppure non appena si creano particelle di polvere, fuliggine e polline che creano un calo di pressione, incompatibile con una performance accettabile del sistema di ventilazione del veicolo. I principali segni di ostruzione o di saturazione sono:

  • comparsa di uno strato “nebbioso” difficile da rimuovere,
  • forti odori sgradevoli all’avvio del veicolo,
  • riduzione del flusso d’aria di ventilazione,
  • atmosfera pesante.